Vai al contenuto
Startseite » Blog » Cosa accade in Austria se il possibile padre di un minore si sottrae con veemenza al test del DNA?

Cosa accade in Austria se il possibile padre di un minore si sottrae con veemenza al test del DNA?

Prioprio a questa domanda la Corte di Cassazione austriaca di recedente ha dato una chiara risposta, stabilendo che il test del DNA non è l’unico strumento che può essere utilizzato per accertare la paternità biologica di un soggetto.

In particolare, nel caso di specie, il possibile padre del ricorrente si era rifiutato con veemenza di sottoporsi al test del DNA. Lo stesso, però, aveva riconosciuto di essere il padre di un fratello del ricorrente.

Durante il processo di primo grado, il perito all’uopo incaricato aveva accertato che il ricorrente era con praticamente assoluta certezza il fratello del figlio che il padre aveva riconosciuto. Da ciò, il Giudice adito aveva ritenuto di potere stabilire che, tramite questa prova, si poteva giungere alla conclusione che l’opposto era il padre del ricorrente.

Questa decisione era stata confermata altresì in secondo grado.

La Corte di Cassazione austriaca ha, infine, confermato che, per accertare la paternità biologica di un soggetto, non è necessario ricorrere al test del DNA. La paternità biologica può essere provata anche tramite altri mezzi istruttori.

Se Vi è interessato questo articolo, continuate a seguirci per essere aggiornati sulle novità del sistema giuridico austriaco.

Se avete domande a questo riguardo, contattateci al seguente indirizzo: office@kanzlei-studiolegale.at

Si abboni alla nostra newsletter gratuita:

Contatti

MAGGI • KATHOLLNIG
RechtsanwaltsGmbH Studio Legale

St.-Veiter-Ring 21A
A-9020 Klagenfurt